IL MODELLO LUCCHESE FA SCUOLA IN EUROPA

UNA DELEGAZIONE DELLA LITUANIA ALLA SCOPERTA DELLE ECCELLENZE LUCCHESI NELLA RICERCA E NEL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

| Categoria: Cultura
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Dalla Lituania a Lucca alla scoperta delle eccellenze del territorio in tema di ricerca, trasferimento tecnologico economia, innovazione e sostenibilità. Oggi, giovedì 27 settembre, una delegazione proveniente dal Ministero dell’educazione e della scienza della Repubblica di Lituania ha visitato tre poli di eccellenza della provincia di Lucca per conoscerne più da vicino le attività: la Scuola IMT Alti Studi Lucca, Lucense, che promuove ricerca industriale e trasferimento tecnologico a favore delle imprese, e il Polo tecnologico lucchese.

Il tour è iniziato in San Francesco, sede del campus di IMT, dove la delegazione è stata ricevuta dal direttore della Scuola, Pietro Pietrini, dal vicedirettore della Scuola, Ennio Bilancini, e da Nicola Lattanzi, delegato per l’innovazione e le relazioni con il territorio, che hanno illustrato l’attività di ricerca che qui si svolge. Con loro anche Stefan Guerra di Lucense e Nico Cerri di Lucca In-Tec.

La delegazione ha poi visitato il MUSAM-LAB e l’Innovation Center Lab-Neuroscience della Scuola. Il primo è il laboratorio sperimentale per la caratterizzazione di materiali e superfici, il secondo il laboratorio nato dalla collaborazione tra IMT e Intesa Sanpaolo per integrare la ricerca multidisciplinare della Scuola con la capacità dell’istituto italiano di identificare nuovi business e opportunità di sviluppo. La presentazione dei due laboratori è stata guidata da Marco Paggi, direttore del MUSAM-LAB e delegato di IMT per la ricerca, e da Emiliano Ricciardi e Nicola Lattanzi, per l’Innovation Center Lab-Neuroscience.

Nella seconda parte della mattinata la delegazione si è spostata nella sede di Lucense, organismo di Ricerca, che opera a Lucca per promuovere la competitività delle imprese: il rapporto continuo con le aziende del polo cartario lucchese ha consentito alla società di sviluppare conoscenze applicative e trasversali, focalizzate sui temi della sostenibilità ambientale e dell’economia circolare e di porsi come punto di riferimento per le aziende e le istituzioni pubblico-private attraverso l’alta specializzazione della sue unità operative,Centro Qualità Carta e Ict Lunet, e grazie ai progetti in tema di edilizia e mobilità sostenibile. Infine, la delegazione ha concluso il tour al Polo Tecnologico Lucchese, che accoglie start-up e altre giovani aziende operanti nel settore dell'innovazione.

La serie di incontri è organizzata dalla Regione Toscana e da Taiex, lo strumento di assistenza tecnica della Commissione europea che finanzia lo scambio di competenze e la condivisione di buone pratiche.

Contatti

redazione@.luccacitta.net
mob. 320.8428413
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK